la struttura il territorio dove siamo contatti link newsletter HOME





 
 
 
 


Il Lago di Scanno si trova in Abruzzo, nell'alta valle del fiume Sagittario, originatosi per una frana staccatasi dal Monte Genzana, che ha sbarrato il fiume.

.

Esistono sentieri che partono dal lago, ed eventi nei paesi limitrofi: Scanno, Villalago, Frattura, Anversa degli Abruzzi.

< vedi i sentieri dell'area









Scorribande a Villalago "L'Orsa Gemma coi suoi cuccioli"
Video realizzato da: Marco Giansante, Lina Lavillotti, Giulia Rossicone e Francesco Mastrogiovanni.

.
la "fotogallery" del territorio





.
 


Capitoli tratti dal Libro:
Scanno: Un incanto di natura in un volto senza tempo


Un Cuore di Natura abbracciato dai Monti
Parlare di Scanno e del suo lago è come parlare di una favola, di un luogo senza tempo dove le suggestioni e le impressioni condizionano non poco il visitatore, che si sente abbracciato da un'atmosfera romantica e particolarmente suggestiva, un cuore nel cuore dell'abruzzo. Questa condizione è dovuta alla naturale diversità dei suoi habitat e delle sue caratteristiche naturali. Questa è l'alta valle del Sagittario; un enorme anfiteatro di monti che molto spesso superano i 2000 metri, con al centro il lago, dove si riversa tutto, o quasi il sistema delle acque superficiali dei vari valloni. La maggior parte del territorio e compreso tra due dorsali maggiori opposte tra loro.

Il ridente bacino del lago di Scanno (1 Km. quadrato di superficie) è frutto di una frana avvenuta in epoca post-glaciale, le cui tracce si possono ancora osservare seguendo la strada per Frattura.

Le acque del lago nelle quali si getta l'unico immissario, il Tasso, sono tendenti al verde per la presenza di microalghe e della vegetazione che in esso si specchia, e raggiungono la profondità di 36 metri. Qui troviamo abbondante fauna ittica, soprattutto tinche, trote, anguille e scardole, ma anche lucci, carpe, cavedani, persici reali e coregoni. Intorno a queste magiche acque, fregiate dalla Bandiera Blu, è d'obbligo una passeggiata a piedi, a cavallo, o in mountain bike, usufruendo anche del nuovo percorso turistico lungo-lago, oppure pratiche di windsurf, canoa e pedalò con riposanti soste al fresco, il tutto con la comodità delle strutture ricettive.
Quasi tutto ciò che circonda il visitatore, qui nel territorio di Scanno, è protetto e costituisce un notevole patrimonio naturalistico ad alto valore scientifico, ne è la riprova la vicinanza al Parco Nazionale D'Abruzzo, area protetta per definizione.


Dai canti di Questua alla Glorie di Halloween
Siamo in Abruzzo, una regione che più di altre, forse per il suo naturale isolamento, mantiene ancora dei forti legami con la tradizione. Scanno conferma questa regola infatti qui si ripropongono ogni anno eventi particolarmente affascinanti e carichi di suggestione. Il 5 e 6 gennaio si festeggia la "Notte delle Chezette" (serenata delle calzette) un singolare canto di questua. In questa occasione gruppi di ragazzi, muniti di strumenti musicali cantano sotto le finestre delle fanciulle, fino a che non ottengono la promessa di abbondanti vettovaglie.
Il 17 gennaio si festeggia Sant'Antonio Barone (Abate), qui così chiamato per distinguerlo dal santo di giugno, detto del Giglio. Dopo la funzione religiosa in grosse caldaie di rame vengono cucinate le sagne, che vengono condite con la ricotta e offerte a tutti, dopo essere state benedette dal parroco. Nel periodo pasquale, di rilievo la tradizionale processione del Venerdì Santo, con il canto di un suggestivo Miserere, preceduta dalla processione degli incappucciati, rito liturgico che si svolge nella mattinata dello stesso giorno, per la visita ai sepolcri, con la partecipazione della Confraternita della Madonna delle Grazie. Il 30 Aprile, in processione la statua della Madonna del Lago
viene accompagnata dalla chiesetta sul lago, fino alla parrocchiale, per il mese mariano. Differente è invece la festa di Sant'Antonio del Giglio (da Padova) che segnava il ritorno delle greggi dalla Puglia, nella domenica prossima al 13 giugno. Nel giorno di festa, caratterizzato dall'incontro tra tutti i gruppi sociali scannesi, veniva donato del legname al Convento Francescano. Un tempo questa processione (detta delle travi) per le vie del paese, con muli carichi di legna, era molto suggestiva e carica di significato, ma anche oggi lo spettacolo richiama molti visitatori, i muli, purtroppo sono stati quasi tutti sostituiti dai trattori. Davanti al corteo che sfila per i pittoreschi vicoli del paese, ci sono le donne che recano in testa cesti di panetti, che verranno benedetti dai frati e distribuiti a tutti. Il 10 agosto vi è la Festa di San Lorenzo, mentre il 14 c'è la rievocazione storica del corteo nuziale detta "ju catenacce" (il catenaccio), in costume tipico, che accompagna la sposa prima in chiesa e dopo a casa del novello sposo. Due giorni dopo il 16, viene realizzata una stupenda fiaccolata sulle rive del lago. Il 20 settembre si festeggia Sant'Eustachio, con la caratteristica processione del Santo. In autunno c'è il Ballo della Pupazza (san Francesco d'Assisi, 1a domenica d'ottobre) e poi arriviamo lla festa di San Martino celebrata la sera del 10 novembre.
Questa ricorrenza caratterizzata da momenti di spensieratezza e divertimento non è altro che una festa di Halloween in tradizionale chiave scannese, qui denominata "Le Glorie". Rumorose compagnie di questua con bambini e ragazzi, la sera della vigilia, girano per le case reggendo un'enorme zucca svuotata e trasformata in lume; vengono improvvisate serenate scherzose e tutto finisce con salsicce rosolate, gustosi spiedini e prelibate porchette. Chiude l'annualità delle feste il Presepe Vivente, rappresentato tra il 28 dicembre e i primi di gennaio in tradizionale ambito scannese; esso è ambientato nella zona più antica del paese. Tra le diverse manifestazioni che coinvolgono numeroso pubblico, citiamo quelle di maggior interesse. Prima fra tutte per la levatura internazionale sono il "Premio Scanno", che si svolge in estate, animata kermesse letteraria che ha superato la 30^ edizione e poi il premio internazionale di Fotografia "Scanno dei fotografi", che si tiene dal 1998. L'immancabile fascino scannese ha sempre attratto i fotografi a coglierne i migliori scorci, i costumi delle donne, la natura; primo fra tanti HENRY CARTIER BRESSON. Nella manifestazione Scanno diventa un vero e proprio laboratorio in cui poi vengono proiettate le immagini in pubblico.

 

2002-2013 © Camping I LUPI - Villalago (AQ) - Italia - Tel. 0864.740625 - email: campingilupi@libero.it - P.I. 01143710661 :::: credits
VIDEO .
vedi la fotogallery del territorio